Chi siamo

La nascita della "Masseria dei suoni" si colloca tra le iniziative rizomatiche, dal basso, che intendono supplire all’assenza di programmazione di accademie e istituzioni ufficiali. Si tratta di uno spazio in grado di offrire un'ampia vetrina alla divulgazione, promozione, riflessione delle/sulle nuove musiche di frontiera.

Molteplici iniziative di valore restano spesso confinate nel silenzio e nell'indifferenza, non riuscendo a raggiungere il pubblico che meriterebbero. La nostra "Fattoria dei suoni" non ha certo la pretesa di riuscire a contrastare questa tendenza, che appare come un fenomeno quasi entropico, non facilmente reversibile. Ma, nell'ottica delle nuove estetiche (nemmeno troppo lontane dal 'Fluxus' di artisti come Giuseppe Chiari, che muove l'agire e le pratiche musicali contemporanee da alcuni decenni) l'intento è quallo di offrire una 'sponda' di resistenza per la ricchissima messe di musiche, libri, iniziative, riviste, piccole rassegne, che costituiscono la vera ricchezza del panorama di proposta culturale italiano.

Partiremo da storiche iniziative come quella di "Konsequenz", rivista/movimento fondata nel 1994 da compositori, critici, persone di cultura di rilievo internazionale (www.konsequenz.it)  per parlarvi della musica di Girolamo De Simone, di Antonello Neri, di Pietro Grossi e di tanti altri musicisti; e dal sito/blog http://carusopascoski.wordpress.com/ per proporvi la poesia di Luca Buonaguidi. Aggiorneremo via via le nostre segnalazioni, con l'avvertenza che qui non stiamo 'vendendo'  nulla (siamo un sito rigorosamente non profit) e nemmeno stiamo facendo un sito di informazione: non abbiamo quindi la pretesa di fornire notizie esaustive o complete, perché i nostri tempi (il tempo triste, che attraversa il nostro Paese) non ce lo consentono. Manteniamo, tuttavia, la speranza di fornire un servizio, creare vortici, rendere possibile una "memoria dell'acqua" tra vasi comunicanti...

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.